Spettacolo

ESCLUSIVA: Giancarlo Giannini voce del documentario su Samantha Cristoforetti. Un anno di addestramento prima dello spazio

Ora la quarantena dal Kazakistan ed il nostro “linguaggio” attraverso il vetro. “LA DONNA DELLE STELLE”-Missione Futura ESCLUSIVA MONDIALE IL 22 NOVEMBRE SU RAI 3 ALLE 22:20.

di |

 

 

Il grande attore Giancarlo Giannini sarà la voce del Film-Documentario su Samantha Cristoforetti che verrà concluso e presentato al Festival di Venezia il prossimo anno. (Alcune immagini verranno trasmesse in anteprima mondiale nel documentario “LA DONNA DELLE STELLE” il 22 novembre su Rai 3 alle 22:30).

Giannini è la voce italiana per eccellenza, ha doppiato importantissimi attori stranieri, tra i quali Jack Nicholson (il cui doppiaggio nel film Shining fu lodato dallo stesso regista Stanley Kubrick), Dustin Hoffman (Il maratoneta), Al Pacino, Michael Douglas, Gérard Depardieu e molti altri.

Il maestro ha accettato di essere la voce del film sull’astronauta Samantha Cristoforetti proprio in virtù della sua passione per lo spazio e la tecnologia e dell’assoluta esclusività del progetto. Abbiamo parlato a lungo di Samantha e del suo addestramento ed ha voluto personalmente augurarle “Buon Viaggio”. In esclusiva per WorldPass il saluto del maestro Giannini alla prima Italiana nello Spazio.

 

 

 

 

Abbiamo seguito Samantha nell’ultimo anno del suo addestramento, seguiremo Samantha sino alla partenza nello spazio dal Kazakistan il prossimo 23 novembre e ci terremo in contatto anche nei sei mesi successivi, quando sarà in orbita.

Per la prima volta è stato documentato il training di un’astronauta e preparato un film-documentario, mediaticamente possiamo dire di aver battuto anche gli americani, se non altro forse li abbiamo anticipati. Ci siamo sentiti costantemente e con Samantha abbiamo attraversato 3 continenti. La prossima settimana, a bordo della navicella Soyuz TMA-15M, avrà inizio, dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, la Missione Futura, l’avventura spaziale della prima donna italiana, la terza europea in assoluto dopo la britannica Helen Sharman (nel 1991) e la francese Claudie André-Deshays (nel 2001).
Ci saremo, Samantha scherzosamente mi dice spesso: “Ci sei sempre, ti ho sul collo…”

Samantha Cristoforetti
, ingegnere, capitano dell'aeronautica militare ed astronauta dell’ente spaziale europeo, vivrà a 400km dalla terra, sulla Stazione Spaziale Internazionale per 6 mesi, viaggiando a 28.000km orari. Studierà la terra da un'altra prospettiva ed effettuerà esperimenti, di cui nove italiani, nel campo della fisica, della medicina e soprattutto dell’alimentazione e della nutrizione. Tutto questo richiede anni di studio e di intenso allenamento fisico e psicologico oltre che una serie di test ed esami da superare.

Ma come ci si prepara alla partenza e alla vita in orbita?

Per ragioni di sicurezza, vincoli e spazi sono stato autorizzato a seguirla, nei vari centri di addestramento, solo con una troupe di 2 persone, 2 professionisti, Alberto Di Pasquale e Gianluca Mazza che hanno fatto con me il giro del mondo. Siamo entrati con Samantha all’interno della NASA nel Johnson Space Center di Houston (Usa), nella ex città militare segreta di Star City di Mosca (Russia), nella sede dello European Astronaut Centre di Colonia (Germania), su e giù per l’Italia e negli altri centri dove ha completato il suo percorso di avvicinamento allo spazio. Per motivi di sicurezza, accesso, tempo e coordinamento ci siamo adattati ad ogni tipo di situazione con microcamere ed attrezzature tecniche particolari che potessero resistere alle varie situazioni e temperature, anche se la prova più dura sarà forse la partenza dal Kazakistan tra pochi giorni, dove sono previsti meno 20 gradi e la navicella Soyuz con gli astronauti a bordo partirà alle 3 di notte ed ovviamente noi saremo all’aperto per registrare il loro ultimo saluto terrestre.

 


Abbiamo ripreso in esclusiva gli addestramenti nei simulatori, quelli di sopravvivenza, ci siamo fatti descrivere da Samantha e dagli altri esperti ogni dettaglio utile per poter sopravvivere in orbita, abbiamo assistito a tutte le fasi della preparazione ed abbiamo scoperto molte curiosità come la tradizione di fare la pipì, prima di partire per lo spazio, sulla ruota del bus che trasporta gli astronauti sulla rampa di lancio. In passato alcune donne astronaute, per “bon ton” hanno preferito farla prima dentro una bottiglietta e poi versarla, mentre per gli uomini pare sia “ordinaria amministrazione”, scopriremo presto cosa deciderà Samantha.

Abbiamo accompagnato il nostro capitano e gli altri 2 astronauti, l’americano Terry Virts ed il comandante russo Anton Shkaplerov, entrambi preparatissimi e molto simpatici, il 6 novembre scorso durante un'altra ufficialissima tradizione, la consegna dei fiori presso la tomba di Jurij Gagarin, il primo uomo a volare nello spazio portando con successo a termine la propria missione il 12 aprile 1961. Le sue ceneri riposano nella piazza Rossa a Mosca e prima di entrare in quarantena e partire per il Kazakistan, tutti gli astronauti ed i cosmonauti russi, lasciano dei garofani e fanno una lunga passeggiata all’interno del Cremlino. Questa è tra le ultime occasioni per vederli ancora con amici e familiari alle cerimonie ufficiali, poi inizierà la fase di isolamento per evitare contagi e problemi.

 

 

Abbiamo anche approfittato di questo lungo percorso insieme per conoscere meglio la sua personalità, i suoi hobby, il suo mondo, le sue curiosità, la sua vita durante l’addestramento. Samantha ora si trova a Baikonur in attesa della partenza, ha lasciato Mosca e la Città delle Stelle, ha fatto gli ultimi bagagli e ci ha confidato di aver fatto spese anticipate per questo natale, di aver preparato qualche regalo da portare in orbita, del resto non è possibile scendere sulla terra per fare shopping e probabilmente è molto più bella guardarla illuminata dallo spazio, se non altro mi ha promesso qualche foto. E’ tutto pronto, in Kazakistan potremo comunicare solo attraverso un vetro, ma ci siamo preparati prima. Il sogno di Samantha si sta per realizzare, la missione 42/43 sta per partire e l’esperienza di questo percorso realizzato insieme rimarrà per sempre impresso nella mia mente.

Il 22 novembre sarà possibile visionare il docufilm che ho realizzato su questa missione, verrà presentato il percorso, spiegato il funzionamento della base spaziale e della vita, con particolare riferimento all’acqua ed urina riciclata per lavarsi, inoltre con la prima macchina del caffe in orbita (che partirà con Samantha), ci sarà il primo caffè preparato “dall’urina”. Verrà svelata in esclusiva dagli USA una delle piscine più grandi del mondo, dove è ricostruita, in scala reale, la base spaziale internazionale. Visiteremo la base Russa, un tempo segretissima città militare di Star City, e molte altre curiosità divertenti sul mondo di Samantha e degli astronauti. Il docufilm su Samantha Cristoforetti, la prima donna italiana nello spazio, dal titolo “La Donna delle Stelle-Missione Futura” in anteprima assoluta sabato 22 novembre su Rai 3 alle 22.20, un esclusiva “spaziale” all’interno dello speciale “Futura - Che Fuori Tempo Che fa” presentato da Fabio Fazio. In studio saranno presenti tutti i sei astronauti italiani che hanno viaggiato nello spazio: Luca Parmitano, primo italiano ad effettuare due passeggiate spaziali, Paolo Nespoli, il primo a soggiornare nello Spazio per una missione di lunga durata, Roberto Vittori, l’unico italiano ad aver viaggiato tre volte nello Spazio, Umberto Guidoni, il primo italiano a visitare una Stazione Spaziale Internazionale, Maurizio Cheli, il primo a ricoprire il ruolo di mission specialist e Franco Malerba, il primo italiano a viaggiare nello Spazio. Inoltre ci sarà un collegamento dal Centro Altec di Torino con il Professor Roberto Battiston, Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Il Film-documentario su Samantha Cristoforetti, verrà presto integrato con immagini esclusive dallo spazio ed altre riprese inedite e verrà presentato al Festival di Venezia subito dopo il rientro sulla terra del capitano Cristoforetti, alla fine della missione Futura 42/43, ovviamente con Samantha in prima fila.

 

 

Gianluca Cerasola

di Gianluca CerasolaDirettore@worldpass.it