Post per autore

Post di: Carolina Lopez

La scienza dietro i calci di rigore. Il segreto è lo studio minuziosamente dettagliato. Solo 1 portiere su 100 rimane fermo al centro della porta

I mancini sono più affidabili. Chi è il miglior rigorista dei giorni nostri? Ce lo spiega un campione spagnolo.

di |
Il sito web di “statistica dei rigori” di Manuel López Botella (penaltyfutbol.com), raccoglie più di 25 mila tiri dal dischetto di giocatori internazionali. L' esperto in rigori ha collaborato con la Nazionale di Calcio spagnola nel Mondiale del 2006 oltre agli Europei del 2008. I rigori possono decidere non soltanto le partite ma anche interi campionati. Per questo diventa importante conoscere bene la scienza che si trova dietro i rigori. L' ex calciatore di Real Madrid, Elche e Oviedo Manuel López Botella (Aspe, 1953), ha fatto questa scelta. Lui svela dati statistici elaborati attraverso lo studio minuzioso dei rigori di calciatori internazionali (più di 25 mila penalties analizzati). L’analisi si fa sempre, in continuazione, soprattutto ai migliori “tiratori” delle competizioni di tutto il mondo ma, in Spagna, anche ai po... continua
Tags: sport, calcio

La Spagna è il paese che riceve più turisti all'anno dopo Stati Uniti e Francia

Destinazione per famiglie, anche se è un Paese di vecchi, dove nascono pochissimi bambini (1,28 per donna)

di |
Il turismo familiare una sfida sicura e vantaggiosa per il settore e l'economia spagnola. L' estate è arrivata ed è giunta l'ora di organizzare le nostre vacanze estive. Ai giorni nostri, la situazione economica ci impone di valutare bene quando si parla di investire i nostri risparmi. In Spagna il motore principale che spinge ogni cosa sono, in questo momento, i soldi, e la regola principale e' non spendere troppo. Secondo uno studio fatto da una agenzia (Tour Operator) di viaggi spagnola, per gli iberici il motivo principale di attenzione durante una vacanza è mantenersi cauti con i prezzi. Una percentuale alta spera di trovare l'offerta speciale prima di partire le vacanze. Il 35%, una volta partito per le ferie, non è abituato a elargire mance , anche perchè in Spagna non è un atto obbligatorio come in alcune parti del mondo. Spagna d... continua

Un viaggio nella crisi della TV spagnola, che comunque riesce a mantenere alti gli share

L'influenza del web e dei social sulla televisione.

di |
In Spagna l'industria audiovisiva sta attraversando una situazione precaria di crisi economica e pubblicitaria. C'è stato un calo degli investimenti nella pubblicità di 165 milioni di euro in meno rispetto l'anno precedente. Nel 2007 si era registrato il record di fatturazione di 3500 milioni di euro, il 53% in più rispetto ad oggi. La crisi economica e il calo della pubblicità sono due fattori che influiscono negativamente sul panorama televisivo, ulteriormente punito, tra l'altro, dalle decisioni politiche e giudiziali che hanno peggiorato ulteriormente la situazione. Abbiamo una tv frammentata dove i canali della TDT rubano lo share alle reti tradizionali. Altro fatto allarmante, la chiusura di 9 canali di TDT per volontà del Tribunale Supremo e della televisione autonoma della Comunidad Valenciana, Canal9, per la prima volta nella storia. Le t... continua