Post per autore

Post di: Antonio Pascotto

La realtà virtuale diventa reale

Il Web ci insegue dappertutto, ci informa in tempo reale, appunto. Ma la realtà ora ci confonde con la fantasia, e la cosa rischia pure di confonderci le idee.

di |
Quando realtà virtuale e realtà reale si confondono. Non bastava essere sempre connessi. Perché di fatto con i nostri telefonini siamo sempre in Rete. Il Web ci insegue dappertutto, ci informa in tempo reale, appunto. Ma la realtà ora ci confonde con la fantasia, e la cosa rischia pure di confonderci le idee. Perché quei mondi paralleli di cui abbiamo spesso sentito dire nei romanzi o nei film di fantascienza oggi sono una realtà. Cioè, sono fantasia. Ma è una fantasia molto vicina alla realtà. Insomma, cerchiamo di fare il punto, e veniamo al dunque, prima di fare troppa confusione. Da qualche tempo ci sono degli oggetti futuristici che consentono a ognuno di noi di entrare nel magico mondo della realtà virtuale. Si tratta di visori collegati con Internet, ma sarebbe riduttivo semplificare la loro descrizione come qu... continua

Non tutte le previsioni si sono rivelate esatte. Ecco l’elenco degli oggetti tecnologici che non hanno ottenuto grandi consensi

Tecnologia e scenari. Lettere dal futuro.

di |
“I computer stanno diventando sempre più intelligenti. In tanti pensano che entro i prossimi 25 anni si arriverà a un punto in cui i computer saranno intelligenti quanto gli esseri umani”. Sono parole di Timothy John Berners-Lee, informatico britannico e soprattutto inventore, con Robert Cailliau, del World Wide Web. Le ha pronunciate in una intervista realizzata in Italia per il lancio del nuovo marchio di una nota azienda di telecomunicazioni. Poi ripetute in una serie di spot. Quando si dice l’intuito. Che a volte si traduce in vere e proprie previsioni, anticipazioni di un futuro prossimo, quindi non molto lontano ma neppure vicinissimo. Capita a chi ha la visione chiara di quello che può accadere, dal punto di vista tecnologico, nel giro di pochi anni. E spesso accade. L’esercizio migliore per capire le trasformazioni dei nostri tempi &e... continua

La scimmia in redazione. Arrivano i robot “al posto” dei giornalisti, in Giappone i robot industriali sono già 310.000

Articoli “robot” migliori di altri scritti da giornalisti uomini. Le informazioni di cui la macchina viene dotata, tra algoritmi e dati, consentono al software di realizzare articoli godibili.

di |
Ci risiamo. Ancora una volta si parla di robot, di macchine che sostituiscono l’uomo. Oggi l’intelligenza artificiale sembra prevalere anche in quei settori dove l’impresa risulta più difficile. Il giornalismo, ad esempio. L’ultimo software in ordine di tempo si chiama Wordsmith. E’ stato messo a punto da una compagnia, quella sì formata da uomini, che si chiama Automated Insights.  Le sue applicazioni sono molteplici. Si passa dagli articoli economici, veri e propri report con tanto di dati, statistiche, previsioni e grafica, ai servizi sportivi. Anche quelli molto dettagliati. Il commento di una partita di calcio, ad esempio, comprende gli autori dei goal, i relativi minuti, le azioni salienti, i migliori in campo e via dicendo. Si tratta di una tecnologia sofisticata, già utilizzata in tempi non recentissimi per la realizzazion... continua

L’influencer è il nuovo “lavoro” nell’era internet, il cambio di comunicazione e visibilita' attira marketing e societa'

Followers e social sono il punto di riferimento, deve catturare attenzione e simpatie ma non bastano 15 minuti di notorietà.

di |
Quanto contiamo nell’era di Internet? E che capacità abbiamo di catturare l’attenzione con le nostre opinioni, i nostri commenti? Grazie ai social network, sui quali manifestiamo pensieri e stati d’animo, indicando anche quali sono i nostri gusti e le nostre preferenze, abbiamo la possibilità di diventare opinion leader e influenzare in qualche modo chi ci segue, non solo attraverso un semplice mi piace ma anche nei comportamenti, rispetto a scelte, acquisti o anche orientamenti politici? Il discorso non è così semplice. Diciamo subito che potenzialmente ognuno di noi ha a disposizione una molteplicità di canali e di opportunità per stabilire rapporti con una cerchia di persone, amici o followers, anche numerosi, che possono non conoscersi ma restare in contatto per svariati motivi. E questo è già un passo avanti... continua
« indietro1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7avanti »