Post per autore

Post di: Antonio Pascotto

1 italiano su 3 non ha mai avuto accesso a Internet: dall'analfabetismo digitale al potere sul web

Google può usare il suo potere per allineare miliardi di persone, utilizzando la forza della pubblicità per fare propaganda politica. Altro che web democracy.

di |
Fosse per quei 22milioni di italiani che con il Web non hanno proprio nulla a che vedere, il problema non sussisterebbe. Loro non hanno mai utilizzato Internet, segnando, nelle statistiche dell’ultimo Rapporto Istat su “Cittadini e nuove tecnologie”, un ritardo considerevole del nostro Paese nel numero di persone connesse alla Rete. Tra questi italiani molti sono giovani, quelli che più di altri amano cellulari e device digitali. Un dato che fa riflettere. Non tutti i nativi sono digitali. In definitiva, un italiano su tre non ha mai effettuato alcun accesso a Internet. Fosse per loro, dicevamo, gli effetti della Rete sulle persone e il dibattito su chi esercita il potere online non avrebbe alcun senso. Eppure si tratta di una delle questioni che più di altre occupa spazio sui media. Nel mirino c’è in particolare Google. Il nome dell’... continua

Tra un anno la svolta del web. Nel 2015 più veloce anche a livello di privacy e sicurezza

I plugin per vedere un film resteranno un ricordo.

di |
Altro che Web 2.0 o Web 3.0. Siamo ben oltre. Nel giro di pochissimo tempo l'utilizzo della Rete sarà sempre più funzionale al nostro modo di vivere, alle nostre abitudini e alle nostre esigenze. Ad esempio, se stiamo per recarci in una zona della città dove è difficile arrivare negli orari previsti, a causa del maltempo o per una serie di lavori in corso o per il traffico o per altri motivi, il browser ci informerà in tempo reale, dandoci la possibilità di modificare la nostra agenda e di rinviare l'appuntamento a data da destinarsi. Se ciò non è possibile lo stesso browser ci fornirà indicazioni su un percorso alternativo o ci indicherà qualche altro tipo di soluzione. La novità vera e propria, rispetto a quanto è già possibile fare attraverso Internet, è che non avremo bisogno di consu... continua

Sfruttare il mezzo tecnologico e la cultura convergente, dalla TV agli smartphone

L’innovazione digitale: dalla rivoluzione descritta da Henry Jenkins all’ultimo film di Gabriele Salvatores.

di |
L’idea è quella di lanciare qualsiasi tipo di prodotto editoriale attraverso tutti i canali a disposizione: tv, internet, giornali, pc e tablet, smartphone, e coinvolgere quanti hanno voglia di impegnarsi in un progetto ad ampio raggio capace di essere tradotto in ogni tipo di linguaggio. Proprio come una cooperativa, dove ognuno contribuisce, con la propria creatività, alla divulgazione e, con molta probabilità, al successo dell’iniziativa. In questo modo gli editori sperimentano una nuova formula per diffondere le opere prodotte, e allo stesso tempo combattono contro una crisi sempre più pesante. Già nel 2006 Henry Jenkins, direttore del Comparative Media Studies Program del Mit, parlava di Cultura convergente, che è anche il titolo del suo saggio più famoso. Lo studioso descriveva una cultura popolare del nostr... continua

Dipendenza digitale, la nuova tecnologia ci rende stupidi.

Sindrome di Hikikomori e selfie, turbe mentali e realtà parallele.

di |
Si può essere dipendenti da Internet? Certo. Senza PC, smartphone, tablet e altre diavolerie digitali oggi ci sentiamo perduti. eppure noi nativi analogici abbiano vissuto in un mondo dove, ad esempio, per fare una telefonata urgente, dovevamo restare in coda davanti a una cabina telefonica, muniti di gettoni, in attesa del nostro turno. E che dire delle mail. Per le comunicazioni con informazioni dettagliate era necessario scrivere un documento e spedirlo al destinatario dal più vicino ufficio postale. Poi è arrivato il fax a facilitare le cose. Ma con le mail elettroniche è tutta un'altra storia. Altri tempi, direte voi. Certo. Eppure l'uso intensivo degli strumenti tecnologici è diventato tema di discussione tra articoli, rubriche e saggi che invitano a riscoprire un mondo oggi sconosciuto ai nativi digitali. La nuova tecnologia ci rende stupid... continua
« indietro1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7avanti »